VOGHERA – INSEDIAMENTO DI NUOVE ATTIVITÀ DI LAVORO A DISTANZA IN COWORKING

CONTATTACI AL 338 6598688 PER MAGGIORI INFORMAZIONI

VOGHERA – Aliquota agevolata IMU al 5,3 per mille (7,6 per mille per immobili di cat. D/5), riduzione del 30% della parte variabile TARI per i primi due anni di attività, riduzione del 50% del canone unico patrimoniale per esposizione pubblicitaria per i primi due anni di attività, esenzione dalle spese di allacciamento delle nuove utenze ASM (oneri amministrativi e deposito cauzionale), tariffa parcheggi a pagamento del centro (esclusa piazza Duomo) di 3 € al giorno tramite l’app Easypark per gli utenti delle attività di coworking.


Sono gli incentivi che possono essere richiesti da chi vuole avviare spazi di coworking nel centro storico di Voghera e che potranno essere concessi per l’anno 2022, in ordine di presentazione, sino ad esaurimento della cifra disponibile di € 5.000,00 a copertura delle minori entrate per IMU e TARI, alle domande che risulteranno conformi ai requisiti previsti.


Tutto questo in attuazione della Delibera del 18 febbraio 2022, con la quale erano stati approvati gli incentivi che vanno a concretizzarsi nel Bando aperto questa settimana.

LEGGI ANCHE:

VOGHERA – IL SINDACO ED IL VICESINDACO SALUTANO I NUOVI ALLIEVI CHE SI AFFACCIANO, PER LA PRIMA VOLTA, AL MONDO SCOLASTICO

VOGHERA – In occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico il Sindaco del Comune di Voghera Paola Garlaschelli e l’Assessore all’Istruzione…

VOGHERA – IL 16 SETTEMBRE SI TERRÀ LA CONFERENZA STAMPA SUL TEMA “SPORT E TALENTO NON SEMPRE SINONIMO DI CAMPIONE”

VOGHERA – Venerdì 16 settembre alle ore 20.30 si terrà una conferenza di carattere sportivo alla quale parteciperà il professor…

VOGHERA – IL SINDACO PAOLA GARLASCHELLI RINGRAZIA IL TENENTE COLONNELLO DEI CARABINIERI, GIUSEPPE PINTO

VOGHERA – Nella mattinata di lunedì 12 settembre, presso il Comune di Voghera, il Sindaco Paola Garlaschelli ha accolto il…


“Tutti auspichiamo che determinati impatti dell’emergenza sanitaria si superino nel
più breve tempo possibile
– le parole di Michele Calabrò, Consigliere Comunale a cui il Sindaco Paola Garlaschelli aveva conferito con apposita delega l’incarico di analizzare gli elementi utili a definire le scelte di programmazione e di pianificazione per lo sviluppo di attività produttive di beni e servizi e per la possibilità di creare spazi di coworking – ma il lavoro a distanza, anche alternato durante la settimana, è una realtà che può e deve rappresentare anche un’opportunità di sviluppo per il tessuto del centro storico delle nostre città, a partire proprio da Voghera. Con questo obiettivo il Bando dà attuazione al lavoro concluso a febbraio e la misura può gettare le basi per una nuova visione del centro, che attraverso la creazione di spazi di coworking crei opportunità di recupero e di rilancio di immobili ad oggi poco o per nulla utilizzati”.


“L’apertura del Bando è un risultato concreto frutto di un’ottima collaborazione con
l’Assessorato all’Urbanistica e con il Consigliere Delegato Calabrò
– continua
l’Assessore al Commercio Maria Cristina Malvicinie rappresenta un ottimo impulso al tessuto socio-economico del centro storico anche in chiave commerciale, in quanto potenziale volano economico. Amministrare bene significa interpretare i bisogni delle persone alla luce del contesto e dei tempi che cambiano: questa misura racchiude in sé tutto questo. Per questo progetto abbiamo stanziato 5mila euro sul 2022, contiamo di dare continuità con fondi dedicati anche nel 2023”.


I requisiti degli immobili nei quali si intende insediare attività di lavoro a distanza, da attestare all’atto di presentazione della domanda, sono:

immobili inutilizzati, o utilizzati solo per brevi periodi, da prima del 18 febbraio 2021;

Immobili situati nel Centro storico cittadino ricompresi nella Zona ZTS1 del PGT vigente, aventi almeno un vano con superficie di pavimento superiore a 15 mq a piano terreno, almeno una parete con vetrina o finestra prospettante direttamente sulla pubblica via, o anche senza aperture visibili dalla pubblica via, ma in questo caso con superficie lorda di pavimento maggiore di 200 mq;

Unità immobiliari classificate catastalmente in una delle seguenti categorie: A/10 – uffici e studi privati, C/1 locali commerciali, C/3 – laboratori per arti e mestieri, D/5 – istituti di assicurazione, cambio o credito con fini di lucro.


Si dovrà inoltre presentare impegno a destinare all’attività di coworking almeno il 60 per cento della superficie utile (servizi e locali accessori esclusi) di ciascuna unità immobiliare per la quale si presenta domanda.

Pubblicato da Pontenews

Il tuo giornale, dove e quando vuoi!

Rispondi

Diventa un Pontenewsiano!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: