“BRACCIA E CUORE” ANCHE A PONTECURONE; “L’ACCOGLIENZA”, SPIRITO DEL PAESE

CONTATTACI ALLO 0131 428105 PER MAGGIORI INFORMAZIONI

PONTECURONE – L’accoglienza dei profughi ucraini continua anche a Pontecurone, così nella giornata di giovedì 7 luglio, alle 18.00, in Sala Polifunzionale di Pontecurone, il Comune ha incontrato i profughi ucraini accolti in paese.

Il nome “Braccia e cuore” nasce proprio da una frase bellissima di Don Orione che dice “Ho aperto le mie braccie e il mio cuore” a tutte le persone di ogni nazionalità, di ogni religione. – condivide con i presenti all’evento, Martino Gandi, Consigliere di Minoranza – A tal proposito, io ho solo da fare una serie di ringraziamenti. Per noi è la prima volta che lavoriamo in casa.

Abbiamo trovato un forte aiuto da parte di tutto il paese.“.

Mentre, il Sindaco Giovanni Valentino D’Amico ha preso parola per parlare più nello specifico dell’alloggio dedicato ai profughi ucraini: “Sono sistemati tutti in appartamenti, così se dovessero insorgere dei problemi, o avere qualche necessità particolare, saremo più che disponibili ad aiutarli a risolvere i problemi burocratici.”.

Un avviso importante è stato infine condiviso da Rino Feltri, Assessore al Bilancio e Volontariato: “Sabato mattina parto per Kiev, un’azione non violenta contro la guerra.
Saremo ricevuti dal sindaco di Kiev nella giornata di lunedì mattina.
Vogliamo condividere con voi gli stessi rischi della guerra.
“.

L’ incontro ha allietato i cuori dei partecipanti, cittadini e profughi ucraini, tra questi ultimi anche molti bambini ai quali sono stati regalati astucci e dolciumi.

Akanksha De Sutti

https://www.instagram.com/pontenews.it/

ULTIMI ARTICOLI DI IG:

PUBBLICIZZATI CON PONTENEWS! – Clicca per saperne di più

Pubblicato da Pontenews

Il tuo giornale, dove e quando vuoi!

Rispondi

Diventa un Pontenewsiano!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: