PO IN SECCA; A PONTECURONE ENTRANO IN VIGORE NORME ANTISPRECO

CONTATTACI ALLO 0131 428105 PER MAGGIORI INFORMAZIONI

PONTECURONE – Una situazione allarmante, quella fotografata da Coldiretti Piemonte che il 27 giugno, ha reso noto alla stampa: “Il livello del Po è a -3,4 metri rispetto allo zero idrometrico, oltre mezzo metro più basso che a Ferragosto di un anno fa, con la siccità che colpisce i raccolti, dal riso al girasole, dal mais alla soia, ma anche le coltivazioni di grano e di altri cereali e foraggi per l’alimentazione degli animali, in un momento in cui è necessario garantire la piena produzione con la guerra in Ucraina.“.

La foto in copertina rappresenta la situazione attuale del Po.

“È quanto emerge dall’ultimo monitoraggio della Coldiretti sulla preoccupante situazione del fiume al Ponte della Becca (Pavia) evidenziata anche dai satelliti Esa, con la portata che è scesa sino all’80% in meno. Lo stato del più grande fiume italiano è rappresentativa della drammatica difficoltà in cui versa l’intero Paese dove si inizia a pensare al razionamento dell’acqua anche nelle ore diurne.”.

Proprio per questo motivo, si sta cercando di correre ai ripari.

“Già in diversi Comuni sono state emanate ordinanze per l’uso consapevole dell’acqua e si è disposto il razionamento notturno in varie zone del Piemonte.”, comunica Coldiretti Piemonte; tra questi, Pontecurone.

Di seguito si riporta l’Ordinanza del 24 giugno, consultabile anche sul portale ufficiale del Comune.

LEGGI ANCHE:

VIOLENTA RISSA A PONTECURONE AL BAR DELLA STAZIONE; IL CANE DELLA VITTIMA, INTERVIENE PER PROTEGGERE QUEST’ULTIMA

PONTECURONE – “C’era M. con il cane e c’era A. M.. Si sono insultati prima aContinua a leggere “VIOLENTA RISSA A PONTECURONE AL BAR DELLA STAZIONE; IL CANE DELLA VITTIMA, INTERVIENE PER PROTEGGERE QUEST’ULTIMA”

PONTECURONE IN MUSICA CON “DON LORENZO PEROSI E SAN LUIGI ORIONE “UN’AMICIZIA ANTICA””

PONTECURONE – Domenica 19 giugno 2022, alle 21.15, a Pontecurone, in Chiesa Santa Maria Assunta, grandeContinua a leggere “PONTECURONE IN MUSICA CON “DON LORENZO PEROSI E SAN LUIGI ORIONE “UN’AMICIZIA ANTICA”””

TORTONA – NUOVO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE A GESTIONE AMBIENTE

TORTONA – Nella giornata di venerdì 29 ottobre, si è tenuta l’assemblea dei soci di Gestione Ambiente – azienda che si occupa del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti a Tortona…

Considerata l’endemica carenza idrica che sta caratterizzando l’attuale periodo;

Ritenuta necessaria l’adozione di misure di carattere straordinario ed urgente finalizzate a razionalizzare l’utilizzo delle risorse idriche disponibili, al fine di garantire a tutti i cittadini di poter soddisfare i fabbisogni primari per usi alimentare domestico e igienico, vietando al contempo l’uso dell’acqua potabile per altri usi;

di concerto con Gestione Acque – Soggetto Gestore il servizio idrico integrato

ORDINA

A tutta la Cittadinanza, su tutto il territorio comunale, con decorrenza immediata e sino al termine della criticità idrica che sarà comunicata con revoca dalla presente ordinanza, il divieto di prelievo e di consumo di acqua potabile per

  • L’irrigazione da annaffiatura di orti, giardini e prati
  • il lavaggio di aree cortilizie e piazzali
  • il lavaggio di veicoli privati
  • il riempimento di fontane ornamentali, vasche da giardino, piscine anche se dotate di impianto di ricircolo dell’acqua
  • tutti gli usi diversi da quello alimentare, domestico e igenico

Invita altresì la cittadinanza ad un uso razionale corretto dell’acqua potabile, riconoscendo la massima importanza della collaborazione attiva di tutti i Cittadini

Avverte che il mancato rispetto della presente ordinanza, sarà sanzionato ai sensi del D. Lgs. 267 2000 s.m.i. con l’applicazione della pena pecuniaria IVI prevista.“.

Intanto Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale, fanno notare:

“Il maltempo dei giorni scorsi non ha cambiato la situazione, anzi ha aggravato la stima dei danni. Se nel Novarese i disagi sono stati soprattutto per allagamenti, tetti scoperchiati, alberi sradicati e cartelloni stradali divelti, nel Trinese, in provincia di Vercelli, i danni sono stati anche alle colture, in particolare la tromba d’aria ha distrutto le coltivazioni di mais e ha allagato le risaie con il rischio che il raccolto del riso vada perso. La grandine ha colpito anche la zona di Caluso, nel Canavese, danneggiando mais, foraggere e grano ancora da raccogliere, ci hanno rimesso anche gli orti. L’allerta ora è per domani, 28 giugno, per tutto il nord con addirittura alluvioni lampo: ulteriore evidenza di come i cambiamenti climatici siano sempre più repentini con una evidente tendenza alla tropicalizzazione, una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal caldo al maltempo. A fronte di questa situazione e degli oltre 900 milioni di euro già stimati in Piemonte a causa della siccità, l’esigenza è quella di accelerare sulla realizzazione di un piano per i bacini di accumulo, poiché solo in questo modo riusciremo a garantirci stabilmente in futuro le riserve idriche necessarie”.

Akanksha De Sutti

https://www.instagram.com/pontenews.it/
PUBBLICIZZATI CON PONTENEWS! – Clicca per saperne di più

Pubblicato da Pontenews

Il tuo giornale, dove e quando vuoi!

Rispondi

Diventa un Pontenewsiano!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: