CIMITERO DEGLI ANIMALI: SUCCESSO GIÀ DAL PRIMO GIORNO, CON 100 FIRME IN SOLE DUE ORE

Clicca per saperne di più

VINCENZO, ADERENTE AL GRUPPO “L’ITALIA DEL RISPETTO”: “IL MIO CANE L’HO DOVUTO PORTARE AL CIMITERO DI PAVIA, PERCHÉ A VOGHERA QUEST’ULTIMO È INESISTENTE”

VOGHERA – Successo già dal primo giorno con la raccolta firme per il progetto “Un cimitero degli animali a Voghera”; 100, in sole due ore.

L’iniziativa è stata accolta dai vogheresi con entusiasmo: “Cento firme raccolte in due ore sono la conferma che molte persone vogliono il Cimitero degli Animali in Voghera.

I firmatari sono residenti in Voghera e in tutto l’Oltrepo Pavese.“, ha reso noto il Presidente del Movimento Civico Culturale “L’Italia del Rispetto”, Fabio Aquilini.

Annunci

Il punto di ritrovo per aderire alla petizione, si ricorda essere in Piazza Duomo, dalle ore 17 alle 19, tutti i sabati.

Proprio in loco, Vincenzo Altante, membro del gruppo “L’Italia del Rispetto”, ha rilasciato gentilmente un’intervista a Pontenews: “Sono venuto a conoscenza che a Pavia c’è il cimitero degli animali, tant’è vero che il mio cane l’ho dovuto portare lì, perché qui a Voghera è inesistente.

Il mio cane, Trudy, un chihuahua di 11 anni, è venuto a mancare il mese di dicembre, così improvvisamente.

Io e mia moglie siamo contrari alla cremazione, quindi abbiamo cercato in giro un cimitero degli animali.

Tramite Internet, abbiamo scoperto l’esistenza del cimitero degli animali a Pavia, così il giorno successivo lo abbiamo portato lì, dove siamo stati accolti benissimo dall’amministrazione comunale locale.

Abbiamo potuto dare degna sepoltura al nostro cane e andarlo a trovare più volte, pagando 180 euro per 6 anni.”.

La distanza però di fa sentire: “

L’unico problema è il caro benzina. Insomma, andare tutti i giorni a Pavia, è un’impresa.

Prima che aumentasse tutto, ci andavamo quattro o cinque volte a settimana, mentre adesso solo la domenica.“.

Alla domanda dell’eventuale riuscita dell’iniziativa con l’edificazione del cimitero per i nostri amici a 4 zampe, avrebbero spostato Trudy avvicinandolo alla propria città, la risposta è stata affermativa:

Certamente, se qui dovessero aprire il cimitero degli animali, sarei il primo a portarlo qui a Voghera.“.

Gli aiuti per concretizzare il progetto, sono anche da fuori: “Ho saputo che c’è anche una persona di Casteggio, che sarebbe pronta a donare al Comune di Voghera, un terreno proprio per adibirlo a questo progetto.

Se il comune dovesse accettare, questo terreno sarebbe appunto gratuito e messo a disposizione.“.

Vincenzo ha così voluto concludere l’intervista “Il cimitero degli animali è un segno di civiltà.“.

Akanksha De Sutti

Ristorante italiano Rivanazzano Terme – Clicca per saperne di più
PUBBLICIZZATI CON PONTENEWS! – Clicca per saperne di più

Pubblicato da Pontenews

Il tuo giornale, dove e quando vuoi!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: