BRIDGENET:”TESTIMONIANZE DA E SULL’AFGHANISTAN – PER NON DIMENTICARE”

PAVIA – BRIDGENET è una rete nata da poco all’Università di Pavia in risposta all’appello dell’organizzazione internazionale SAR – Scholars At Risk, che ha l’intento di attivare studenti, docenti e cittadini a livello nazionale e internazionale, per sostenere il consolidamento dei corridoi umanitari e costruire un sistema di accoglienza per le studentesse, gli studenti, gli artisti e altri professionisti, con i loro familiari, in fuga dall’Afghanistan.

Lo scopo di BRIDGENET è la realizzazione di un crowdfunding (attraverso il sito di UNIPV Universitiamo) e creare momenti di approfondimento, confronto, dibattito ed eventi rivolti agli studenti e al pubblico.

LEGGI ANCHE:

Dal ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan gli occhi del mondo occidentale si sono rivolti a quel Paese che rapidamente cambiava, a causa del regime talebano, il proprio profilo sociale e politico.

Annunci

La chiusura violenta e rapida di ogni canale di comunicazione ha reso il popolo afghano incapace di chiedere aiuto e assistenza. Il rischio è quindi che l’attenzione del mondo occidentale diminuisca progressivamente nell’assenza di segnali da parte del Paese.

L’iniziativa del 3 novembre “Testimonianze da e sull’Afghanistan – per non dimenticare”  che si terrà presso l’Università di Pavia (Aula Magna, Piazza Leonardo Da Vinci, 12,  dalle ore 9 e 30 alle 13 e 30), promossa da BRIDGENET, vuole tenere le luci accese sull’Afghanistan, presentando la realtà sul campo attraverso la voce del suo popolo e degli operatori che, in diversi settori e da diversi punti di vista, hanno lavorato e tuttora lavorano per organizzare gli interventi di aiuto e di sostegno.

All’evento parteciperanno in presenza o online personaggi che hanno avuto un ruolo rilevante nella promozione degli aiuti in Afghanistan o in paesi limitrofi.
In particolare  il generale statunitense David Petraeus già Comandante dell’United States Central Command, comandante delle operazioni militari in Iraq e Afghanistan ed ex Direttore della CIA e Anna Prouse, attivista che ha lavorato 8 anni in Iraq e ora impegnata per l’Afghanistan.
Il generale Petraeus sarà intervistato in collegamento online, Anna Prouse sarà presente in Aula Magna.

Interverranno inoltre:
Claudia Moioli (Associazione Emergenza Sorrisi)
Esmaeli Qorbanali (consigliere politico dell’ambasciatore afghano a Roma)
Mohammad Musa Mahomodi (Research fellow dello Schell Centre for International Human Rights alla Yale Law School)
Benafsha Yaqoobi (commissioner dell’Afghanistan Independent Human Rights Commission (AIHRC) e attivista)

Interpretariato e traduzione simultanea a cura di Fulvia Tassini – AIIC Italia

Pubblicato da Pontenews

"Pontenews" è un sito web d'informazione. Il sito è stato creato nel 2019 per permettere a tutti di usufruire delle notizie e di cooperare per fornirle. L'obiettivo è fare un'ottima informazione sui luoghi più remoti che troppo spesso vengono dimenticati perché poco conosciuti. La collaborazione con voi è importante e fondamentale. Per questo "Pontenews" vi ringrazia. Contiamo sul vostro sostegno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: