LORENZO MAZZA: “UN GIOVANE AMMINISTRATORE PER IL FUTURO DI PONTECURONE”

Ma chi è questo Mazza?” molti nelle ultime settimane se lo sono chiesto. Lorenzo Mazza è uno studente del quinto anno del Liceo A. Maserati a Voghera, questa è la città dove mi sono speso per tutte le mie attività negli ultimi anni, ciò mi ha allontanato dalla vita attiva del paese in cui vivo. Attualmente – oltre ad essere uno studente – sono anche arbitro di calcio, rappresentante degli studenti e mi occupo di ottimizzazione del marketing digitale per le piccole imprese. Il paese ha bisogno di “un giovane amministratore per il futuro di Pontecurone”, bisogna smetterla con la spiccia retorica sui giovani, come “i giovani sono il futuro”, il futuro sarà roseo solo se i ragazzi di oggi avranno la possibilità di esprimersi e fare esperienza sul campo, quindi il 3 e 4 ottobre vota “Pontecurone PER NOI” e scrivi MAZZA!

  • Chiediamo a Lorenzo Mazza, candidato nella lista Pontecurone per Noi per Valentino d’Amico sindaco, le ragioni di questa sua scelta di campo.

La politica e l’amministrazione sono argomenti di cui mi interesso ormai da tempo, lo slittamento della finestra elettorale ad ottobre ha fatto si che nel mentre io abbia compiuto la maggiore età e di conseguenza sia diventato eleggibile. Ho deciso di cogliere la palla al balzo e buttarmi così da maturare esperienze e applicare le mie competenze e conoscenze. La decisione di far parte della lista “Pontecurone PER NOI” è dipesa da una semplice domanda: dove ho la possibilità di contribuire maggiormente? Fino a questo momento posso ritenermi soddisfatto della risposta che mi sono dato.

  • È il più giovane tra tutti i candidati, questa qualità come può essere il suo asso nella manica?

Sono il più giovane tra tutti i candidati, ma non penso che questa possa essere una qualità rilevante in positivo, penso che per molti possa essere una discriminante per virare il voto ad altri candidati. Nonostante questo mi ritengo al pari degli altri candidati, e loro lo ritengono di me. Tuttavia la mia giovanissima età (18 anni) mi permette di avere una progettualità ad un termine molto più lungo rispetto agli altri candidati in corsa.

  • Come promuovere dei punti di aggregazione di carattere ludico, culturale a beneficio degli adolescenti?

Prima di promuovere bisogna creare. In paese sono già presenti, per i ragazzi, dei luoghi predisposti, ma ritengo vadano ripensati e che ugualmente non siano abbastanza. Quando gli spazi saranno più idonei ai reali bisogni dei ragazzi di ogni età, allora non ci sarà bisogno di promuovere i luoghi – specie in centro paese – bensì verranno sfruttati come se ci siano stati da sempre.

  • Come poter incentivare gli acquisti in paese, piuttosto che nelle città limitrofe come Voghera e Tortona?

Incentivare gli acquisti in paese, piuttosto che nelle città limitrofe come Voghera e Tortona. Un discorso complesso. Ma alcune piccole cose le si può ugualmente dire. Da quando la pandemia ha colpito la nostra nazione ho avuto la possibilità di lavorare, applicando le mie competenze informatiche, per attività commerciali di diverso genere e situate in diversi luoghi d’Italia. Anche nei piccoli paesi la digitalizzazione dei negozi permette di promuovere prodotti peculiari e di nicchia che difficilmente si possono trovare altrove. Anche a Pontecurone molte attività potrebbero giovarne. Inoltre si potrebbe incentivare i più giovani a utilizzare i servizi del paese istituendo premi per chi si distingue in determinati ambiti (ad esempio l‘ambiente scolastico e sportivo).

  • Incentivare l’integrazione di più culture, specie tra i giovani è un tema molto sentito, ha già in mente qualche progetto?

L’unico metodo realmente funzionante per l’integrazione sociale è il dialogo durante gli anni delle scuole elementari e medie. Le scuole di tutta Italia lavorano già tanto per questo scopo, i Comuni molto meno. La futura amministrazione dovrà obbligatoriamente creare occasioni per perseguire questo scopo. Solamente con la conoscenza dei fatti, con il confronto e le emozioni condivise i ragazzi possono creare gruppi solidi in cui tutte le differenze siano valorizzate e difese. La Libertà personale la si costruisce soprattutto così.

  • Essere vicini ai cittadini ed ascoltarli sulle problematiche inerenti al paese, è un elemento fondamentale. Come potenzieresti i canali di comunicazione, anche magari per coloro che faticano ad avere accesso ai social?

Il miglior canale comunicativo è il passaparola, e questo è già molto sviluppato in paese. Generalmente l’amministrazione viene a conoscenza dei bisogni ed interviene per la risoluzione di possibili. Purtroppo le informazioni uscenti dal Comune fanno più fatica ad essere apprese dai cittadini. I social riescono ad informare tanti degli abitanti del paese, ma non tutti, quindi l’organizzazione di corsi volti all’apprendimento informatico per i cittadini più anziani e per i meno esperti potrebbe aiutare l’amministrazione ad informare più persone attraverso i social, oltre che offrire un importantissimo servizio.

Redazione Pontenews

Pubblicato da Pontenews

"Pontenews" è un sito web d'informazione. Il sito è stato creato nel 2019 per permettere a tutti di usufruire delle notizie e di cooperare per fornirle. L'obiettivo è fare un'ottima informazione sui luoghi più remoti che troppo spesso vengono dimenticati perché poco conosciuti. La collaborazione con voi è importante e fondamentale. Per questo "Pontenews" vi ringrazia. Contiamo sul vostro sostegno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: