PROTESTANTI CONTRO MILIARDO YIDA ANCHE ALLA PREMIAZIONE DEL GIRO D’ITALIA

PONTECURONE/STRADELLA -Proteste contro Miliardo Yida al traguardo del Giro d’Italia. Il fatto è avvenuto nel pomeriggio di giovedì 27 maggio a Stradella.

I manifestanti sono stati bloccati dalla polizia dato l’eccessivo scompiglio e il rischio di non rispettare le norme di distanziamento contro il Covid – 19. “Vergogna! Vergogna! Noi non abbiamo lavoro e voi siete qua a spendere soldi!“.

Annunci

La nostra testata continua a monitorare la situazioe che i dipendenti ed ex – dipendenti stanno vivendo a causa della nota azienda adibita al recupero della plastica, situata appena fuori da Pontecurone, per andare verso Tortona.

Per approfondire la motivazione della protesta, puoi leggere gli articoli che seguono:

LEGGI ANCHE:

DIPENDENTI DI MILIARDO YIDA: 4 CASI DI POSITIVITÀ

S.I. COBAS, CHIEDE ALLA NOTA AZIENDA, PIÙ SICUREZZA ALL’INTERNO DELLO STABILIMENTO Quattro casi di positività al Covid – 19 tra i…

Leggi tutto

VIOLENTA RISSA ALLA NOTA AZIENDA MILIARDO YIDA

15/07/2020 Rissa presso la nota azienda Miliardo Yida, sulla strada tra Pontecurone e Tortona. In precedenza la nostra testata aveva già affrontato questo…

Leggi tutto

“NOI VOGLIAMO I NOSTRI DIRITTI”: DIPENDENTI DI “MILIARDO YIDA” SFRUTTATI, ALZANO LA TESTA E FANNO SENTIRE LA VOCE

03/02/2020 “Noi vogliamo i nostri diritti! Noi vogliamo i nostri diritti!“, le voci rompono il silenzio di una mattina apparentemente come…

Leggi tutto

IL FATTO

Appena prima della premiazione del vincitore della storica gara ciclistica, i manifestanti hanno iniziato a protestare con i cartelli raffiguranti frasi dette e ridette, ma senza essere mai prese davvero in considerazione: “STOP LICENZIAMENTI”, “LAVORATORI MILIARDO YIDA IN LOTTA PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA FABBRICA” e molte altre frasi urlate con disperazione. [L’articolo continua]

La Polizia è intervenuta fermandoli e segnalandoli.

Un evento, che seppur in secondo piano rispetto al Gara Ciclistica “Giro d’Italia”, ha mostrato la drammaticità di molti lavoratori che nella speranza di portare a casa la pagnotta alle poprie famiglie – molte di questi con figli – sono costretti a lavorare in condizioni che sfiorano il disumano.

Akanksha De Sutti

Pubblicato da Pontenews

Il tuo giornale, dove e quando vuoi!

Rispondi

Diventa un Pontenewsiano!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: