“VIVERE LA LEGALITÀ”: IL PROGETTO RIVOLTO AI GIOVANI

TORTONA – La strage di Capaci e di via d’Amelio: tristi eventi accomunati dalla scomparsa di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Ormai sono passati quasi trent’anni, ma Tortona, sempre per la legalità, ha voluto proporre il progetto ideato e realizzato dalla Compagnia teatrale Coltelleria Einstein – per il bando SociAL -, assieme ai partner, Istituto “Marconi – Carbone”, Biblioteca Civica Tortona, Associazione “Paolo Perduca”, Libreria Namasté e Sonic Factory.

In occasione della Giornata della Legalità, domani 23 maggio – con ricorrenza dal terribile attentato che portò via le anime di Falcone, della moglie e degli uomini che li scortavano -, verrà condiviso questo progetto dal titolo “Vivere nella legalità”.

Annunci

Volta ai giovani si prefigge di elaborare delle riflessioni sul tema del rapporto fra criminalità organizzata e società civile, tra giustizia ed ingiustizia.

Una grande attenzione che gli studenti del “Marconi-Carbone”, insieme agli insegnanti, hanno dedicato al progetto, realizzato ispirandosi a “La speranza non è in vendita” di Don Ciotti, “Liberi di scegliere” di Roberto Di Bella, “Ciò che inferno non è” di Alessandro D’Avenia e “Sulle regole” di Gherardo Colombo; un percorso che ha avuto come guida Giorgio Boccassi e che ha ricevuto un sincero plauso, con tanto di commozione, dal Giudice Roberto Di Bella (attuale Presidente del Tribunale per i Minori di Catania), autore di “Liberi di scegliere” testo chiave del progetto. Il Presidente Di Bella si è reso disponibile a incontrare i ragazzi in video-conferenza.
Il risultato di questo progetto sarà disponibile domani, domenica 23 maggio, alle ore 11 sul canale YouTube della Biblioteca Civica “Tommaso de Ocheda”.

Akanksha De Sutti

Pubblicato da Pontenews

Il tuo giornale, dove e quando vuoi!

Rispondi

Diventa un Pontenewsiano!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: