PASSATO, PRESENTE E FUTURO: I GIOVANI PORTATORI DI TESTIMONIANZA

IERI L’INCONTRO PROPEDEUTICO ALL’INAUGURAZIONE DEL “GIARDINO DEI GIUSTI” DI VENERDÌ

PONTECURONE – “Piantare un albero, o dedicare un albero al ricordo di una persona, è un gesto di grande profondità perché significa mantenere vivo il ricordo di questa figura nel tempo. L’albero vive nel tempo. Si rinnova ad ogni stagione, così come il ricordo di quella persona speciale.“.

Con questa frase, la Vicepresidente dell’Associazione ONLUS “Il Paese di Don Orione – Pontecurone”, Maria Luisa Ricotti -durante l’incontro tenutosi ieri, domenica 9 maggio, alle 17, in Chiesa S. Maria – chiarisce il nesso tra i Giusti ed il Giardino.

L’evento di ieri è stato realizzato in occasione dell’inaugurazione del Giardino dei Giusti, che avverrà venerdì 14 maggio, alle 10, davanti al Monumento di Don Orione, come ricordato dal Sindaco di Pontecurone, Rino Feltri.

Un momento talmente speciale, da dover necessitare di una presentazione con letture e riflessioni. L’incontro di ieri è stato caratterizzato dalla promozione della Memoria attraverso gli scritti che narrano delle gesta da parte degli membri della “Piccola Opera della Divina Provvidenza”; “[…] con la loro solidarietà eroica hanno onorato Dio e gli uomini seguendo l’esempio di Sal Luigi Orione”, si legge nel volantino informativo circa l’evento tenutosi il giorno scorso. [L’articolo continua]

Annunci

Anche i video sono stati protagonisti dell’appuntamento con la Storia: “Finisco la mia Testimonianza, dicendo che da quel momento, sono diventata quella donna libera e quella donna di pace che sono anche adesso.“, conclude la senatrice Liliana Segre, sopravvissuta di Auschwitz e da poco cittadina onoraria di Cupello, nella breve intervista mostrata ai presenti in chiesa.

Questo avvenimento – visibile su youtube al canale di Don Loris Giacomelli – è anche importante, poiché il Passato incontra il Presente e il Futuro: le letture sono state ad opera dei ragazzi della scuola di Pontecurone.

A conclusione dell’incontro, Don Loris Giacomelli si è rivolto ai giovani lettori, citando uno dei brani più famosi di Francesco De Gregori, ovvero “La Storia siamo noi”: “Mi viene in mente il testo di un brano di un cantautore “La Storia siamo noi” e penso che l’abbia scritto per voi. Perché se abbiamo il coraggio di pensare ad un Futuro migliore, è perché guardiamo voi. Noi abbiamo bisogno di esempi luminosi. Questi sono esempi straordinari. Noi tante volte pensiamo a dei giovani che danno il massimo e bruciano la loro vita in maniera drammatica e sbagliata. Qui, abbiamo di fronte dei personaggi che hanno dato il massimo della loro vita donandosi agli altri sulla scuola di Don Orione.“.

Akanksha De Sutti

Pubblicato da Pontenews

Il tuo giornale, dove e quando vuoi!

Rispondi

Diventa un Pontenewsiano!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: