PRIME VACCINAZIONI ANTI – COVID DAL 27 DICEMBRE: TRA LA GENTE, NUOVE PREOCCUPAZIONI PER UN CASO DI ALLERGIA IN ALASKA

Previste le prime vaccinazioni anti – Covid a partire dal 27 dicembre. A darne annuncio è stato il Presidente Roberto Speranza, che in un post pubblicato nella sua pagina ufficiale di Facebook, ha precisato che l’azione sarà possibile, se tutte le procedure di verifica sul vaccino Pfizer Biontech, avranno esito favorevole e saranno completate nelle date previste.

I primi che verranno vaccinati saranno gli operatori sanitari, dato il maggior rischio al quale si espongono in ambito lavorativo.

Intanto “Repubblica” ha dato notizia di un caso di allergia al vaccino Pfizer Biontech.

Il fatto ci porta negli Stati Uniti, e protagonista di questo spiacevole caso è proprio un’operatrice sanitaria, che dopo essersi sottoposta al vaccino, davanti alle telecamere per una campagna pro – vaccino, in circa dieci minuti, ha sviluppato reazioni allergiche; dapprima lievi, fino ad obbligarla alla terapia intensiva.

La signora in questione, operatrice sanitaria presso il Bartlett Regional Hospital di Juneau, martedì 15 dicembre, durante la sera, ha sviluppato la reazione allergica, da subito ricoverata nella notte in ospedale.

“NBC News” – durante un’intervista fatta ai funzionari sanitari -, ha appreso, che 96 persone sono state sottoposte al vaccino, e che dopo essere state osservate circa una trentina di minuti, non hanno rilevato nessun tipo di sintomo post – vaccino.

Lindy Jones, medico di emergenza che ha curato la signora, ha precisato: “She had a red, flushed rash over her face and torso.” trad. “Aveva un’eruzione cutanea rossa sul viso e sul busto” ed ha aggiunto:  “I was concerned about an anaphylactic reaction.” trad. “Ero preoccupato per una reazione anafilattica.“.

In merito al caso, Pfizer, ha dichiarato che, insieme alle autorità sanitarie locali, la società sta attuando le dovute verifiche.

“Pfizer said in a statement that the company is “working with local health authorities to assess” the reaction that occurred in Alaska, and will “closely monitor all reports suggestive of serious allergic reactions following vaccination and update labeling language if needed.””.

Attualmente, le condizioni della signora, che ha riscontrato reazioni allergiche, sembrano migliorare, ma il dottor Jay Butler, capo della risposta Covid-19 presso i Centers for Disease Control e prevenzione, ha dichiarato l’intenzioni di non far sottoporre la paziente al secondo richiamo.

Akanksha De Sutti

Pubblicato da Pontenews

Il tuo giornale, dove e quando vuoi!

Rispondi

Diventa un Pontenewsiano!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: