NEGOZIANTI PREOCCUPATI PER UN EVENTUALE LOCKDOWN

In questo periodo i negozianti sono preoccupati per un eventuale secondo LOCKDOWN, dichiarando che se ce ne fosse un altro, non riuscirebbero più ad aprire a causa delle numerose perdite di guadagno, dovute in primis allo smart working. La preoccupazione è stata espressa da alcuni gestori di bar sia del territorio tortonese, che quello lombardo. Tra le motivazioni spiegate dagli intervistati, ne spicca una che li accomuna tutti; il loro guadagno sarebbe durante le colazioni e pause pranzo, ma con la scelta di molte persone di non recarsi in ufficio e di lavorare quindi da casa, sono decrementate. Mentre altri titolari di negozi di abbigliamento, elettronica, oggettistica e di arredamento, hanno notato che in questo periodo, il numero di acquirenti si è abbassato di molto rispetto all’anno scorso. La causa – hanno constatato – potrebbe essere la paura di contrarre il COVID e la possibilità di acquisti online, sempre più in voga negli ultimi anni.

 Bryan Cazzaniga

Pubblicato da Pontenews

Il tuo giornale, dove e quando vuoi!

Rispondi

Diventa un Pontenewsiano!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: