CRESCO6: IL “SUPERCOMPUTER” MESSO A DISPOSIZIONE DA ENEA PER LA RICERCA SCIENTIFICA IMPEGNATA CONTRO IL CORONAVIRUS

30/03/2020

CRESCO6 è da ora disponibile per la ricerca scientifica pubblica e privata impegnata contro il Coronavirus

Si tratta di uno dei più potenti computer sia in Italia che nel mondo, e a darne la notizia è ENEA (Ente per le nuove tecnologie, l’energia e l’ambiente).

CRESCO6, operativo presso il Centro ENEA di Portici (NA), è un “supercomputer” in grado di effettuare fino a 1,4 milioni di miliardi di operazioni matematiche al secondo e attualmente è a disposizione dell’Università di Firenze, dove il coordinatore prof. Piero Procacci, sta già effettuando delle ricerche per bloccare all’origine il meccanismo di replicazione del COVID-19.

ENEA fa sapere che HPC CRESCO6 è stato introdotto dal 2018 nella TOP500, la classifica dei primi 500 supercomputer mondiali, e l’inserimento al 420° posto, annunciato al SuperComputing 2018 di Dallas, la principale conferenza nel campo del calcolo scientifico.

I ricercatori di istituzioni pubbliche e private che desiderano avvalersi delle risorse computazionali ENEA, sono invitati ad contattare tramite e-mail crescoforcovid19@enea.it, inserendo i seguentidati:

– Contatto di riferimento con nome e cognome, mail e telefono;

– Organizzazione di appartenenza con link al sito;

– Ruolo nell’organizzazione;

– Campo applicativo: 1) modellistica numerica; 2) intelligenza artificiale; 3) analisi dati;

– Descrizione scientifica del progetto di calcolo rilevante per l’emergenza COVID-19;

– Quadro di riferimento del progetto;

– Risorse computazionali attualmente utilizzate e quelle desiderate.

FONTI

https://www.enea.it/it/Stampa/comunicati/coronavirus-supercomputer-enea-a-disposizione-di-tutta-la-comunita-scientifica-per-ricerca-su-farmaci-e-vaccini

Pontenews

Pubblicato da Pontenews

Il tuo giornale, dove e quando vuoi!

Rispondi

Diventa un Pontenewsiano!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: