GIUSEPPE CONTE: “CHIUSURA DI TUTTE LE ATTIVITÀ COMMERCIALI E DI VENDITA AL DETTAGLIO”

12/03/2020

Le attività che non comprendono beni di prima necessità, rimarranno chiuse

L’annuncio dato dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, è stato dato ieri sera in diretta alle 20:25.

La decisione presa, è stata esaminata più volte, ma stando alla situazione, che è molto delicata in Italia (dati 11 marzo: positivi 10590; guariti 1045; deceduti 827)

Giuseppe Conte esorta: “Ora è questo il momento di compiere un passo in più; quello più importante – prosegue – ora disponiamo anche la chiusura di tutte le attività commerciali, di vendita al dettaglio, ad eccezione dei negozi di genere alimentare, di prima necessità, delle farmacie, delle para-farmacie. Non è necessario fare nessuna corsa per acquistare il cibo nei supermercati. Chiudiamo, però i negozi, bar, pub, ristoranti; lasciando la possibilità di fare consegne a domicilio. Chiudono anche i parrucchieri, centri estetici. Chiudono i servizi di mensa, che non garantiscono un metro di sicurezza. Per quanto riguarda le attività produttive, professionali, va attuata il più possibile la modalità del “lavoro agile”: vanno incentivate le ferie, i congedi retribuiti per i dipendenti. Restano chiuse le parti aziendali, che non sono indispensabili per la produzione. Industrie, fabbriche, potranno ovviamente continuare a svolgere le proprie attività produttive a condizione che assumano protocolli di sicurezza adeguati a proteggere i propri lavoratori, al fine di evitare il contagio. Sono incentivate le fabbriche e le industrie a predisporre misure che siano adeguate per reggere questo momento“.

Precisa inoltre che restano garantiti i servizi di trasporto, i servizi di pubblica utilità, i servizi bancari, postali, finanziari assicurativi, nonché di tutte quelle attività necessarie, o comunque accessorie, rispetto al corretto funzionamento dei settori rimasti in attività.

Sono inoltre garantite anche le attività del settore agricolo, zootecnico, di trasformazione agroalimentare, comprese le filiere.

Si invitano quindi i cittadini a rimanere a casa ed uscire solo se è strettamente necessario.

Akanksha De Sutti

Pubblicato da Pontenews

Il tuo giornale, dove e quando vuoi!

Rispondi

Diventa un Pontenewsiano!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: